Imola 1982: l'ultimo grande duello di Gilles Villeneuve

Era Domenica, 25 aprile 1982, e nel circuito di Imola si è tenuto il "Gran Premio di San Marino", senza le squadre inglesi: McLaren, Williams, Lotus e Brabham hanno boicottato la gara dopo la squalifica di tutte le auto equipaggiate con un serbatoio d'acqua in seguito al contestato GP Brasiliano.

Alla fine delle qualifiche Alain Prost e René Arnoux, su Renault, occupavano le prime due posizioni, la Ferrari erano in seconda fila con Gilles Villeneuve terzo e Didier Pironi quarto. Dopo la partenza, Prost si è dovuto ritirare a causa di un problema elettrico, mentre Arnoux, Villeneuve e Pironi stavano combattendo per la leadership.

Al 45° giro anche Arnoux dovette ritirarsi (dopo che il suo motore esplose) e a questo punto la vittoria era una questione interna in casa Ferrari: in quel momento Villeneuve era davanti a Pironi e si aspettava che il compagno di squadra non lo attaccasse. Ma il canadese fece un piccolo errore, andando fuori pista. Il francese ha colto al volo la sua possibilità di prendere la prima posizione. Il furioso Villeneuve ha superato il suo amico nel giro successivo ed era fiducioso di vincere la gara senza alcun problema.

Trascurando il consiglio dei box, con la scritto "SLOW" mostrata ad entrambi in ogni giro, i piloti hanno iniziato una battaglia incredibile, rischiando una collisione e di rovinare una gara che la Ferrari poteva finire tranquillamente in prima e seconda posizione.

Infine, nell'ultimo giro, Didier Pironi ha fatto l'ultimo sorpasso alla curva del Tamburello. Villeneuve ha cercato di ottenere di nuovo la prima posizione lottando fino al traguardo, ma alla fine il vincitore è stato Pironi. Gilles non perdonò mai il suo compagno di squadra che, da quel momento, è diventato il suo più grande rivale. E questo è stato letale per il canadese, perché nella gara successiva, in Belgio, a Zolder, cercando di fare un miglior tempo sul giro di Pironi, Villeneuve incorse nel suo incidente mortale.

Questo è il video originale della corsa, con l'eccezionale commento della leggenda James Hunt.

Autore marcolestu
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!